LE 5 COSE DA FARE PER AFFRONTARE AL MEGLIO UN INCIDENTE

LE 5 COSE DA FARE PER AFFRONTARE AL MEGLIO UN INCIDENTE


Warning: DOMDocument::loadHTML(): Unexpected end tag : p in Entity, line: 15 in /var/www/vhosts/vivoinsicurezza.it/httpdocs/campagna/wp-content/plugins/wpex-auto-link-titles/wpex-auto-link-titles.php on line 38

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Unexpected end tag : p in Entity, line: 29 in /var/www/vhosts/vivoinsicurezza.it/httpdocs/campagna/wp-content/plugins/wpex-auto-link-titles/wpex-auto-link-titles.php on line 38

1) Mantieni la calma e valuta la situazione
· controlla se ci sono feriti
· evita qualsiasi discussione o litigio
· valuta se è il caso di chiamare i soccorsi o la Polizia

2) Metti in sicurezza te e gli altri
· indossa il gilet catarifrangente perché gli altri ti vedano bene;
· accendi le 4 frecce e le luci d’emergenza dei veicoli coinvolti;
· posiziona il triangolo a 50 metri dal punto dell’incidente (in una posizione tale da poter essere visto per tempo da chi sta arrivando);
· rimuovi i pezzi più grossi che si trovano sulla strada e che possono costituire un pericolo gli altri guidatori (esempio paraurti, copertoni).
Se non ci sono feriti, e se possibile, sgombra la strada spostando i veicoli coinvolti in modo da non ostacolare la viabilità (attenti a non cancellare – e non farlo fare ad altri naturalmente – le eventuali tracce dell’incidente in modo da poterne ricostruire la dinamica!).
Se non è possibile spostare i veicoli o rimuovere materie scivolose dalla strada, chiama il soccorso stradale e fino al loro arrivo cerca di avvertire gli altri utenti della strada del pericolo, collocando il segnale mobile di pericolo (“triangolo”) o con gesti manuali e luminosi (per esempio utilizzando di notte una torcia ma facendo ben attenzione comunque a non puntarla negli occhi degli automobilisti).

3) Se i danni sono limitati alle cose
Scambia le generalità con chi è coinvolto nell’incidente; in particolare è importante segnare i dati della patente dell’autista, della carta di circolazione e dell’assicurazione. In tali occasioni siamo tutti obbligati a fornire i dati richiesti. Nel caso qualcuno sia renitente a farlo, chiama le Forze dell’Ordine per ovviare al problema.
Testimoni: se possibile fatti rilasciare una dichiarazione scritta in cui siano spiegate per bene le dinamiche dell’incidente. Possono fare da testimoni anche i passeggeri da noi trasportati

 

4) Se ci sono feriti:
· chiama immediatamente i soccorsi 118 (vedi: come fare la telefonata nel prossimo capitolo);
· chiama le forze dell’ordine (112 o 113) e se necessario i Vigili del Fuoco (115) fornendo loro informazioni precise sul luogo dell’incidente, le persone e i veicoli coinvolti, la gravità dei feriti;
· non spostare i veicoli coinvolti per permettere alle Forze dell’Ordine di effettuare i rilevamenti necessari;
NON RIAGGANCIARE MAI SENZA AVER PRIMA LASCIATO IL TUO NUMERO AI SOCCORRITORI.

5) Cerca di prestare aiuto a chi ne ha bisogno, ma ricordati che non sei il dottor House!
· evita di compiere azioni o manovre che dovrebbero essere lasciate agli specialisti e che possono aggravare le lesioni di chi è rimasto ferito;
· non spostare il ferito se non in caso di pericolo immediato (es. principio di incendio);
· non togliere il casco ai motociclisti;
· se il ferito è cosciente puoi chiedergli se ha freddo/caldo, se desidera che tu avverta qualcuno con una telefonata. Cerca di fare in modo che stia fermo.

A volte basta stare vicino a chi è in difficoltà, per confortarlo e tenerlo calmo.

RICORDATI CHE SOCCORRERE CHI E’ RIMASTO COINVOLTO IN UN INCIDENTE E’ UN TUO DOVERE, NON SOLO SE SEI DIRETTAMENTE COINVOLTO, MA ANCHE SE SEI DI PASSAGGIO E TI ACCORGI DI UN INCIDENTE DI RILIEVO.
L’omissione di soccorso, volontaria o generata da uno stato di panico, è perseguibile per legge e severamente punita.

Torna all’indice